______ Mysterious Intentions LIVE ______ _____ Esther Lamneck / Eugenio Sanna _____ ___ Martedì 16 Marzo – ExWide Pisa ___

Leningradcafè presenta :
The second Season

“Mysterious Intentions”
Esther Lamneck – clarinetto, tàrogatò
Eugenio Sanna – chitarre, oggetti
Martedì 16 marzo ore 22:30, ExWide live , Via Franceschi 13, Pisa

A partire dal ’94 e per ben dieci anni, la clarinettista americana e suonatrice di tarogato Esther Lamneck, sulle tracce di un sottile e misterioso filo conduttore che l’aveva spinta fino in Italia, aveva realizzato un programma didattico estivo di master-classes nella città di Pisa. I prestigiosi studenti-musicisti e danzatori della New York University, provenienti da tutto il mondo, partecipavano ad una classe di specializzazione in musica e danza contemporanea, un workshop della durata di un mese intitolato “New York-Pisa Connection”, in collaborazione con l ‘amministrazione comunale, l’associazione Teatro Verdi e il CNUCE.
A pisa, la passione della musicista per la musica classica contemporanea e quella elettronica, ha trovato un ideale interlocutore nel chitarrista Eugenio Sanna, al punto da invitarlo  a condurre periodicamente degli stages sulla musica improvvisata per gli studenti della N.Y.U. e formando al tempo stesso un sodalizio musicale di  grande valore e interesse.

Il binomio clarinetto-tarogato e chitarra amplificata può rimandare ed evocare le atmosfere di una dimensione cameristica nella quale  i due musicisti dialogano alla pari, tessendo architetture sonore preziose, intense e delicate ma al tempo stesso corpose e energiche, assai feconde nella loro narrazione. Il suono del tarogato, uno strumento di legno originario dell’Ungheria, conferisce  degli accenti folklorici alla musica prodotta. Inoltre Esther Lamneck suona uno strumento  risalente al 1800 e datole in uso da un museo dell’Europa dell’Est, dalla sonorità  assai speciale.
A tratti la loro musica è evocativa di immagini come di bozzetti sonori, piccoli affreschi di natura contemporanea in cui i suoni si intersecano tra  loro in maniera rapida, veloce e sinuosa  come per descrivere delle situazioni reali; a tratti il suono si fa più denso e materico per entrare in un mondo magico e surreale.

“Misterious Intentions” dal titolo dell album “Intentions”  pubblicato dall’etichetta italiana Amirani Records con ottimi consensi della critica musicale, è un progetto musicale che viene presentato martedì 16 marzo alle ore 22:30 presso ExWide, in Via Franceschi 13 a Pisa, nell ‘ambito della programmazione del Leningrad Cafè .
Ingresso riservato ai soci Arci.
Info: 050 28370 / 347 9574512 / info@exwide.com

Esther Lamneck  è stata definita dal New York Times “una incredibile virtuosa”. E ‘ una performer versatile della musica contemporanea, compresa la musica elettronica impiegata nella realizzzione di arti-interattive, danza, movimento, improvvisazione.
Padrona assoluta del clarinetto e del tarogato ungherese, dai quali trae splendide sonorità, E. Lamneck ha collaborato e collabora con Cort Lippe, Claudio Lugo, Roberto Fabriciani, Marylin Nonken. Di grande rilievo è la sua partecipazione in veste di solista a numerose orchestre, fra cui quelle dirette da Pierre Boulez. Frequenti sono le sue apparizioni in solo nei festival del mondo intero. Svolge inoltre il ruolo di Master Classes in varie università e conservatori degli Stati Uniti e d’ Europa. Attualmente ricopre la carica di “Program Director of Woodwind Studies” del “Clarinet Studio”,  presso la New York University.
Direttore artistico della  “N.Y.U. New Music and Dance Ensemble” ha lavorato e lavora accanto al  grande coreografo e danzatore Douglas Dunn.
Il suo lavoro nell’area della “interactive tecnology”, include ricerche con il programma “Eyesweb” che prende in considerazione il controllo gestuale di suoni dal vivo e video.
http://pages.nyu.edu/~el2/

Eugenio Sanna, musicista e musicoterapeuta, partecipa intensamente sino al suo scioglimento, dal 1976 fino al 1986, alla fondazione e alle attività del CRIM-Centro per la Ricerca sull ‘ Improvvisazione Musicale a PIsa, città dove attualente vive.
Ha collaborato con i maggiori esponenti della musica improvvisata ma anche con artisti provenienti da altre aree espressive: Peter Kowald, Derek Bailey, Roger Turner, Edoardo Ricci, John Zorn, Giovanni Canale, Filippo Monico, Tristan  Honsinger, Stefano Bartolini, Giuseppe Chiari, John Edwards, Edoardo Marraffa, Steve Noble, Tony Rusconi, Phil Minton, Esther Lamneck, Ute Volker ed altri .
Interessato alla fusione di diferrenti linguaggi artistici, partecipa e progetta performance anche con danzatori quali Cheryl Banks, Roberto Castello,  Massimo Pierini, Manrico Fiorentini, Atsushi Takenouchi . Con l’artista visiva Tuia Cherici crea e porta avanti il progetto del “Manucinema”, un live -set legato al linguaggio video e al suo rapporto con la musica improvvisata.
A partire dal ’94, viene invitato periodicamente a tenere delle lezioni sulla musica improvvisata dal dipartimento di musica contemporanea ed elettronica della New York University per gli studenti di quella università.
eugeniosanna.it

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: